top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRiccardo Riosa

Un punto di vista differente: a Sotto Rete l'arbitro internazionale Romano Grillotti

Romano Grillotti si ritrova su un campo da tennis a fare il giudice di linea per caso, grazie ad un amico che lo porta con sé. E non ad una partita qualsiasi: in campo stanno giocando Becker e MrEnroe la finale ATP Milano del '84. Romano ne rimane estasiato, si avvicina all'arbitro e gli chiede qualche informazione su come si fa a fare questo di mestiere. Luigi Brambilla – l'arbitro di quella finale – non appena sente l'età di Romano, 37 anni, gli dice che ormai il tempo per intraprendere questa carriera è passato. Mai nessuna frase fu così motivante: Romano studia, inizia ad arbitrare qualche partita di livello più modesto e nel '88 a Roland Garros acquisisce il titolo di arbitro internazionale. Prima lavora come freelance, per molti anni, poi viene chiamato ad arbitrare le finali del torneo ATP di Francoforte nel '97 – solitamente solo gli arbitri sotto contratto arbitrano le finali – ed infatti viene assunto.


La sua vita cambia, inizia a programmare l'anno che verrà con la stessa modalità con cui si preparano i giocatori, principalmente passa le trasferte in compagnia degli altri arbitri e ciò lo aiuta a non sentire la lontananza da casa. Poi, quando sale sulla sedia entra in una bolla di vetro e segue solo la pallina. Oggi, dopo una carriera di ventisei anni, Romano può fieramente dire di non aver mai rifiutato una partita e di non esser mai sceso dalla sedia per andare in bagno durante una partita. Inoltre scopriamo, che fino a qualche anno fa le finali venivano arbitrate dal giudice che meglio si distingueva durante il torneo, mentre ora tutto viene deciso a tavolino prima.


La tecnologia si è molto sviluppata in questi anni, dall'uso del hawk eye ad addirittura togliere i guardalinee ai Next Gen di Milano. Oggi molto lo fa il computer, soprattutto in caso di palle dubbie, anni fa gli arbitri dovevano avere una personalità forse e saper ben parlare. Chiaramente, l'arbitro portava la sua personalità, la correttezza e la serietà dentro e fuori al campo.



CURIOSITÀ DA ARBITRI SECONDO ROMANO GRILLOTTI


Giocatore modello: Stefan Edberg

Il giocatore pazzo: John McEnroe e Jimmy Connors

Il pubblico più pazzo: i brasiliani alle Olimpiadi, suonavano incessantemente le trombe e le sentivo anche di notte

Il torneo più bello: US Open

Chi non hai arbitrato e vorresti recuperare: Björn Borg (ha smesso poco prima che Romano iniziasse la sua carriera)

Grandi partite arbitrate: finali Internazionali d'Italia Roma 2006 Nadal-Federer e finali Master Hannover '99 Sampras-Agassi




Volete riascoltare l'intervista? È disponibile a questo link



139 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Matteo Lumia e la realizzazione dell'Almanacco del Tennis

Matteo Lumia scrive l'Almanacco del Tennis, la classica pubblicazione annuale simile ad un calendario, ma con delle informazioni aggiuntive. Da piccolo lo ha guidato la passione per le figurine Panini

Post: Blog2_Post
bottom of page