top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRiccardo Riosa

Gabriele Bani: il lavoro mentale prosegue a ritmo calmo e costante

Aggiornamento: 27 gen

Gabriele Bani è mental coach – oltre al tennis anche nel basket – ed ha iniziato il suo percorso grazie ad un'amica psicologa che ha notato come presta attenzione alle persone e il modo in cui le ascolta, si iscrive dunque alla scuola di formazione Ekis.


Gabriele sottolinea l'importanza dell'empatia tra coach e atleta e di come nasce: attraverso il ricalco, entrare nelle scarpe dell'altro, e la guida, ovvero di delineare le azioni insieme. Molto aiuta l'ascolto interno, che permette di diventare più autonomi, infatti secondo Bani: chi domanda, comanda. Questo è un ottimo modo per guidare le proprie azioni.


Secondo punto focale è la fiducia, che si genera con la verità. L'allenatore può decidere di condividere con l'atleta tre semplici informazioni:

- cosa farò

- sappi che ti dirò sempre la verità

- cosa vogliamo ottenere


L'approccio con i giocatori quando si lavora sul campo mentale deve essere come una spedizione sull'Everest: ad ogni tappa ci si ferma al campo, per acclimatarsi all'altitudine e permettere sia al corpo che alla mente di abituarsi.


Volete riascoltare l'intervista? È disponibile a questo link



46 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Matteo Lumia e la realizzazione dell'Almanacco del Tennis

Matteo Lumia scrive l'Almanacco del Tennis, la classica pubblicazione annuale simile ad un calendario, ma con delle informazioni aggiuntive. Da piccolo lo ha guidato la passione per le figurine Panini

Commenti


Post: Blog2_Post
bottom of page