top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRiccardo Riosa

«Se nasci trota non muori salmone» Claudio Palazzo show

Anche Claudio Palazzo passa da giocatore, raggiungendo tornei ATP come gli Internazionali d'Italia a coach, ma tra le due fasi c'è stata una lunga pausa. A cosa è dovuta? Al fatto che da fresco atleta aveva difficoltà a capire come alcuni giocatori non riuscissero a fare determinati movimenti o perché facessero certi errori. Una volta pulita la testa e interiorizzata più calma inizia ad allenare. Si specializza con ragazzi dai 8 ai 16 anni circa, vuole preparare un percorso che li accompagni negli anni verso un livello alto.


Gli equilibri nel team sono essenziali, da poco Claudio per i giocatori più esperti è affiancato da mental coach, per il resto si interfaccia con il giocatore e la sua famiglia. Il rapporto con i genitori è chiaro, come dice Claudio: «Nel pollaio c'è un solo gallo», ottimo avere il supporto della famiglia e i limiti sono chiari: non ci si intromette sulla tecnica, altrimenti ci si può rivolgere anche ad un altro circolo. Per Claudio sono fiducia e onestà con i genitori un elemento chiave.


Il tennis è una questione di soldi? Di certo aiutano e in ogni caso ci si può spostare tra diverse situazioni economiche. Poi professionista lo diventa chi in un mese guadagna sufficientemente un mese per pagare quello successivo. Il talento è anche una questione importante che sta alla base dello sviluppo di un tennista, «Poi chiaro, se nasci trota non muori salmone».


E c'è un'età giusta per mollare il sogno se non si è "salmone"? Non esiste una regola, come abbiamo visto anche tra gli italiani ci sono giocatori come Vanni e Lorenzi che hanno raggiunto i top 300 all'età di 32 anni.


Se la questione è puramente economica e si vuole raggiungere un pareggio di bilancio si deve stare tra i primi 100. Partendo dunqua da una base di guadagno di 60.000 euro con gli Slam, si riesce a pagare coach, fisioterapista e il resto del team che segue un tennista.


Nel lavoro del coach è importante anche la pianificazione della stagione con i tipi di tornei ai quali iscriversi. Un terzo è bene che siano di un livello inferiore al giocatore, un terzo alla pari e infine un terzo superiore. Questo equilibrio è essenziale per arrivare con giusto spirito alle partite più difficili, avendo immagazzinato esperienze positive. Video-analisi? Direi che è utile a chi è già un ottimo giocatore per passare da perfetto a perfettissimo, errori grossolani si vedono ad occhio nudo, o almeno un coach lo può fare.


La mentalità da avere in campo non è di veder l'avversario perdere, ma di andare a vincere.



Per chi volesse seguire Claudio Palazzo troverete di seguito i link a:


Profilo Facebook Claudio Palazzo





Volete riascoltare l'intervista? È disponibile a questo link




283 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Matteo Lumia e la realizzazione dell'Almanacco del Tennis

Matteo Lumia scrive l'Almanacco del Tennis, la classica pubblicazione annuale simile ad un calendario, ma con delle informazioni aggiuntive. Da piccolo lo ha guidato la passione per le figurine Panini

תגובות


Post: Blog2_Post
bottom of page