top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRiccardo Riosa

Come realizzare il movimento perfetto: dal video alla biomeccanica del colpo con Federico Candidi

Federico Candidi già da giovane si innamora dello sport, pratica prima il nuoto per poi iniziare un tirocinio nel circolo dove lavorava il padre. Si forma sullo sport laureandosi in Scienze motorie ed approfitta della stesura della tesi per studiare cose a lui utili per ciò che lo attende dopo. Inizia la sua ricerca su dei punti di riferimento fissi nell'insegnamento del tennis, di un metodo di allenamento ottimizzato per imparare le basi.


A differenza della tecnica, che è personale, Federico si sofferma sulla biomeccanica. In particolare nota come un movimento segue una specifica catena cinetica, che se interrotta non permette al colpo di essere funzionale ed efficace. Per la stesura della tesi chiede l'appoggio a Danilo Pizzorno, il massimo esperto di video analisi in Italia dell'epoca e Federico gli chiede dopo la laurea anche di scrivere un libro. Pizzorno apprezza l'idea, ma gli sembra troppo difficile mettere in un libro tutti i dettagli sulla biomeccanica dei colpi. Dopo tre anni Federico si presenta nuovamente da Pizzorno con il libro finito e davanti agli occhi stupiti porta Il tennis in tasca, che descrive i colpi base – dritto, rovescio, servizio.. – come li fanno i campioni: ogni amatore può ritrovare il suo giocatore preferito. Chiaramente durante il gioco ci si deve adattare.


Durante l'intervista Federico Candidi ha mostrato molte tecniche, per chi volesse vedere in dettaglio il link al video dell'intervista è qui


Fino al 15 Aprile è in vigore un codice sconto per l'aquisto del libro.



Per chi volesse seguire Federico Candidi troverete di seguito i link a:


Profilo Facebook Federico Candidi




99 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Matteo Lumia e la realizzazione dell'Almanacco del Tennis

Matteo Lumia scrive l'Almanacco del Tennis, la classica pubblicazione annuale simile ad un calendario, ma con delle informazioni aggiuntive. Da piccolo lo ha guidato la passione per le figurine Panini

Post: Blog2_Post
bottom of page