top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRiccardo Riosa

Andrea Volpini racconta i segreti del Piatti Team: «Non c'è magia, c'è lavoro»

Andrea Volpini si innamora del tennis da bambino e persegue un bel percorso da giocatore. Raggiunge il bivio che lo porta alla scelta tra il gioco – e i conseguenti viaggi – e la scuola pubblica. Andrea sceglie di proseguire gli studi pubblici, continuando poi la formazione sportiva con Scienze motorie e vari corsi di tennis. Inizia ad allenare in un circolo a Poggibonsi ricercando sempre esperienze di alto livello. Approda ad uno stage di Piatti, si trova benissimo e vuole continuare questa strada, iniziando a collaborare full time nel 2014 fino ad oggi, o meglio al blocco da Covid-19. Vede buona parte del sviluppo dell'Accademia che già anni fa era gestita da persone che riuscivano a portare un clima familiare, come Sartori e Brandi.


Il metodo Piatti è molto conosciuto e Andrea ci svela il segreto: «Sostanzialmente abbiamo alcuni punti cardine da seguire, che poi adattiamo ad ogni atleta ci troviamo davanti. Anche nel caso ci fosse una tecnica non perfetta, ma prestazionale – nel senso che funziona senza portare aggravi fisici – la lasciamo così».


L'accademia considera molto importanti sia la tecnica che il fisico, lavorando con professionisti come il preparatore atletico Dalibor Sirola. A volte gli allenatori giocano anche con i ragazzi, che si perda o che si vinca, il vero obiettivo è l'affiatamento e lo si raggiunge.


Cosa si guarda tra i Juniores che puntano al professionismo? «Ci sono tre punti fondamentali che analizziamo: il comportamento in partita, il comportamento dopo la partita, ovvero come ci si allena dopo una vittoria o una sconfitta, e la motivazione, sia del giocatore che della famiglia. Poi cerchiamo di trasmettere ai giovani cos'è la professione del tennista: dall'organizzazione dei viaggi, le iscrizioni.. tutto ciò che serve per essere autonomi, incordatura inclusa».


La video analisi aiuta? «Certo, rivedersi è un buon ausilio per i giocatori. In effetti il maestro cerca sempre di far capire al giocatore come migliorarsi e portarlo a trovare la soluzione ad un problema da solo».




Volete riascoltare l'intervista? È disponibile a questo link



108 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Matteo Lumia e la realizzazione dell'Almanacco del Tennis

Matteo Lumia scrive l'Almanacco del Tennis, la classica pubblicazione annuale simile ad un calendario, ma con delle informazioni aggiuntive. Da piccolo lo ha guidato la passione per le figurine Panini

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page